Gigi D’Alessio – Malaterra World Tour: Un lungo omaggio a Napoli, Applausi al Pala Alpitour

Gigi D’Alessio – Malaterra World Tour: Un lungo omaggio a Napoli, Applausi al Pala Alpitour

di Marco Drogo

E’ stato a lungo in giro per il mondo. Dal 14 ottobre 2015, a Lugano, data di partenza del ‘Malaterra World Tour’, Gigi d’Alessio ha portato la sua musica e il suo amore per Napoli, in Cina, a Shanghai e Hong Kong, in Giappone, in Australia. Per il suo ritorno nel BelPaese, al Pala Alpitour di Torino, nella città che lui ha definito ‘la più a Sud d’Italia’, ha trovato 3.700 spettatori, calorosi e affezionati, che hanno cantato e ballato senza sosta, per tutta la durata di un concerto di più di due ore, con una scaletta antologica, composta da quasi 40 canzoni.

Il pubblico della platea ha presto lasciato le sedie, proprio come la stragrande maggioranza di coloro che occupavano gli spalti. In tanti sfoggiavano gadgets colorati e fascette del proprio benianimo.

D’Alessio ha voluto ripercorrere insieme ai presenti tutta la sua carriera affiancando ai più grandi successi, i brani classici della canzone napoletana. gli inediti in dialetto, i brani degli esordi. Nell’ultimo album ‘Malaterra’, una dichiarazione d’amore per Napoli e la Campania, ha reinterpretato, insieme a tanti ospiti italiani e non, 14 brani classici della canzone napoletana. Il titolo è stato ispirato da Domenico Modugno (‘Amara terra mia’) e da Pino Daniele (‘Napule è ‘na carta sporca).

Il cantautore partenopeo, che nel corso dello show ha più volte sottolineato l’orgoglio per le sue origini, ha voluto mostrare la bellezza di Napoli, “troppo spesso in prima pagina soltanto per le cose negative”, con lo stesso intento che ha perseguito nell’omonimo docufilm di Ambrogio Crespi e Sergio Rubino, presentato alla 61esima edizione del Taormina Film Fest. Lì D’Alessio viaggia nelle terre della Campania avvelenate dalla camorra, la Terra dei Fuochi, per mostrare chi non si arrende e vuole resistere.

E la set-list del concerto proposta al Pala Alpitour, per l’evento organizzato da Live Nation e Set Up Live, il primo degli otto appuntamenti italiani che avranno la propria conclusione il 21 giugno allo Stadio San Paolo di Napoli, vuole riflettere tutto questo. Dall’avvio con le recenti ‘Notti di lune storte’ e ‘Vivi’, si passa rapidamente a ‘Vasame’ in duetto virtuale con Valentina Stella. ‘Quanti amori’ scalda il Pala Alpitour, che regalerà abbondanti applausi sia ai successi sanremesi ‘Non dirgli mai’, ‘Tu che ne sai’, ‘L’amore che non c’è’ che ai classici della canzone napoletana ‘Io mammeta e tu’, ‘O’ sarracino’, ‘A citta ‘e pulecenella’. Finale scatenato con ‘Come suena el corazon’ e ‘Mon Amour’ e con un benaugurante invito a ‘Non mollare mai’.

La scaletta di Gigi d’Alessio 2/4/2016@Pala Alpitour

1) Notti di lune storte

2) Vivi

3) Vasame

4) Liberi da noi

5) Quanti amori

6) Guaglione

7) E’ cosa e’ niente

8) Apri le braccia

9) Prima o poi

10) Cosa te ne fai di un altro uomo

11) Insieme a lei

12) Dove sei

13) Io che non vivo

14 Una notte al telefono

15) Il cammino dell’ eta

16) Non dirgli mai

17) Tu che ne sai

18) L’amore che non c’e’

19) Un cuore malato

20) Respirare

22) Annarè

23) Di notte

24) Malaterra

25) Io mammeta e tu

26) Un nuovo bacio

27) O core e na femmena

28) De nun tenessi a te

29) o’ sarracino

30) a citta ‘e pulecenella

31) Comme si femmena

32) Ora

33) Como suena el corazon

34) Mon amour

35) Non mollare mai

Alcune immagini del Live di Torino su Music&theCity a cura di Letizia Reynaud 

[Galleries 197 not found]